blog

Andare sotto lo zero: come il biometano può aiutare il mondo a raggiungere l'energia a zero emissioni di carbonio

Team per biogas e biometano durante l'ispezione di un sito
Antti Heikkilä
Product Manager
Published: May 31, 2021
Biogas

L'UE sta celebrando la Settimana verde, proponendosi di raggiungere obiettivi vincolanti per abbandonare l'energia fossile. I biocarburanti sostenibili come il biometano sono necessari e disponibili da oggi per iniziare la decarbonizzazione del settore dell'energia termica e dei trasporti. Un impulso fondamentale a tale scopo potrebbe venire dal biometano. Il biogas è in crescita ed è in grado di produrre sia elettricità che calore da rifiuti organici.

Il biometano per combustibili sta crescendo in modo ancora più rapido. Il biometano è biogas potenziato, che è stato purificato ad alta concentrazione, senza utilizzarlo per l'elettricità o il calore. Il biometano è l'alternativa ricca di energia e senza fossili al gas naturale. Vaisala è orgogliosa di poter fornire il proprio supporto in questo sviluppo.
 

Ma come si arriva a zero emissioni di carbonio?

Anche se ogni piccolo contributo è di fondamentale importanza, servono cambiamenti di grande rilievo. Gli ambiziosi obiettivi di arrivare a zero emissioni di carbonio, ovvero evitare le emissioni di gas serra, sono raggiungibili attraverso un pensiero ambizioso e un'applicazione pratica. In altre parole, combinando un utilizzo di energia rinnovabile e l'efficienza complessiva di energia e risorse.

Si consideri la quantità di rifiuti organici. Senza utilizzare mezzi termini, attualmente, circa il 98%, dei rifiuti viene letteralmente scaricato. Le percentuali di carbonio non vengono catturate, tanto meno convertite in energia rinnovabile sotto forma di biometano. Se la maggior parte di tali percentuali potesse essere catturata, il mondo verserebbe in una condizione differente.

Quindi come possiamo fare?

Esistono tre interessanti metodi di sviluppo

Il primo. Attraverso l'impiego del trattamento delle acque reflue. La digestione anaerobica dei solidi prodotti in questo processo è una risposta semplice alla produzione di un maggior numero di biogas e biometano per combustibili. Inoltre, i solidi avanzati da questo processo possono a loro volta essere utilizzati come fertilizzanti, riducendo ulteriormente la necessità di estrarre fertilizzanti sintetici e anche alleviando o addirittura invertendo i processi di impoverimento del suolo dei suoi nutrienti naturali.

Il secondo. Stabilendo un numero maggiore dei cosiddetti impianti di recupero energetico dei rifiuti (EfW). I rifiuti solidi urbani (RSU) e i fanghi di depurazione delle acque reflue sono fonti primarie per la trasformazione in biogas e l'upgrading al biometano. Ciò costituisce una grande parte dei rifiuti che vengono prodotti ogni giorno. Come risorsa, è a tutti gli effetti sempre disponibile e, di fatto, ad un costo negativo, in quanto si viene pagati per riceverla.  Il resto sta tutto nel processare in modo efficiente, ritrovandosi con il biometano per combustibili che può essere venduto, iniettato nelle reti nazionali del gas o trasportato in serbatoi. 

Il terzo. Utilizzando gas da discarica per produrre calore ed elettricità. Il metodo più tradizionale dei tre continuerà a fare la sua parte, aiutando a convertire i rifiuti urbani direttamente in energia e calore per l'uso a servizio dei comuni stessi. Non può trattarsi della prima e unica scelta perché in primo luogo, le discariche tradizionali sono passate di moda molto tempo fa e, in secondo luogo, l'idea generale di bruciare biogas grezzo per produrre energia con un motore CHP è molto meno efficiente dal punto di vista energetico rispetto all'aggiornamento direttamente al biometano per combustibili, soprattutto perché altre fonti rinnovabili di elettricità come la fonte eolica e solare diventano sempre più diffuse. Inoltre, l'ultimo punto apre anche un ruolo in più per il biometano: catturare l'elettricità in eccesso dalle suddette fonti rinnovabili attraverso il processo power-to-gas o P2G.
 

Economia del gas non fossile

Questo concetto ci porta alla conclusione. Un'economia basata su carburanti ecologici. Con paesi come la Francia che mirano a eliminare il gas fossile entro il 2035 e il Regno Unito e gli Stati Uniti che cercano di aumentare la loro produzione di biometano per ordini di grandezza nei prossimi decenni, la strada per un futuro meno dannoso è aperta. 

Si prevede che i primi due metodi sopra citati crescano fortemente con i governi nazionali in grado di creare incentivi e programmi per aumentare la produzione diretta di rifiuti in biometano, mentre la terza soluzione non scomparirà a breve. 

Riteniamo che gli sviluppi qui evidenziati siano sia necessari che positivi e siamo orgogliosi di essere in grado di fornire strumenti di misurazione ad aziende e servizi pubblici all'avanguardia dal punto di vista dell'energia green.
 

Add new comment