blog

Dalle profondità dello spazio al cuore del tuo trasformatore: siamo noi a fare il salto.

Depths-of-space-to-your-transformer
Senja Leivo
Senja Leivo
Senior Industry Expert, Vaisala
Published: Apr 30, 2021
Generazione e trasmissione di energia

Nello spazio non c'è margine di errore

Il luogo più lontano in cui sono stati impiegati i sensori Vaisala è senza dubbio il cratere Jezero, Isidis Planitia, su Marte.  Mettere il nostro sensore di umidità HUMICAP®  su un pianeta che è circa 1.000 volte più arido del luogo più arido della Terra, significa spingersi oltre e guardare in avanti, Espandere i nostri orizzonti, riusciendo a percepire ciò che non è visibile solo con i nostri occhi.

Al cuore del tuo trasformatore

Cosa c'entra tutto questo con i trasformatori e l'industria energetica? Parecchio, a dire il vero. Mentre un sensore è su Marte, il suo cugino sulla Terra rileva le sue letture dal cuore del tuo trasformatore.

Proprio così. Un sensore HUMICAP®, integrato nella nostra sonda di umidità MMP8, esegue un lavoro costante misurando l'umidità nel liquido isolante del trasformatore. Nonostante possa apparire contraddittorio, è bene tenere presente che si tratta di uno dei liquidi più aridi, con un contenuto d'acqua misurato in ppm o parti per milione. E ciò che rende la sonda MMP8 così unica è il suo comportamento nella parte secca dell'intervallo, sia su Marte che  nel tuo trasformatore.

Nelle applicazioni critiche l'umidità è presente in quantità minime. Per rilevare questi livelli minimi di saturazione relativa, è necessaria una sensibilità estrema, ben al di sotto di 1 parte per milione o 1% RS. Tale sensibilità è in grado di funzionare su Marte così come in un trasformatore nuovo di zecca e appena essiccato oppure in un essiccatore di olio on-line.

Affidabilità a lungo termine

Crediamo in quella che chiamiamo "tecnologia affidabile" e, per questo motivo, Vaisala investe circa il 14% delle vendite nette in R & S. È un investimento che consente di andare oltre i limiti di ciò che può essere misurato e delle rispettive modalità, rendendo le tecnologie di misura il più affidabili possibile.

In effetti, la nostra tecnologia era in grado di essere impiegata nello spazio ancora prima di lasciare il nostro pianeta natale. E non è nemmeno necessario andare nello spazio per valutare la capacità di una sonda di continuare a funzionare dal momento della sua estrazione dalla scatola.

Un esempio di cosa significhi realmente una sonda che non richiede alcun tipo di regolazione al termine della sua installazione, sono le numerose sonde con tecnologia HUMICAP® che, rientrate in fabbrica per la ricalibrazione dopo dieci anni di impiego continuo,  garantivano ancora le specifiche di calibrazione originali.

Quindi, in qualsiasi luogo tu stia impiegando i tuoi trasformatori,  nell'Artico, in applicazioni offshore o ai tropici,  puoi continuare a contare sulla sonda MMP8. Non importa quale sia la durata della tua missione.


Ulteriori informazioni su come la sonda MMP8 sia in grado di mantenere le prestazioni dei trasformatori in modo migliore e più a lungo >> 

Ulteriori informazioni sulla nostra missione su Marte >> 

Guarda la nostra serie di webinar di tre episodi sull'umidità nei trasformatori >> 

Add new comment