blog

Riqualificazione basata sul rischio

Rimappatura e riqualificazione di congelatori e refrigeratori
Paul Daniel, esperto senior di conformità normativa
Paul Daniel
Esperto senior di conformità normativa
Published: Feb 26, 2020
Scienze della vita

4 Domande a cui la valutazione del rischio deve rispondere

Il nostro esperto di regolamentazione senior Paul Daniel è lieto di rispondere alle tue domande via e-mail. Il blog di questa settimana è tratto da uno scambio di e-mail tra Paul e un responsabile della validazione senior di un'azienda biofarmaceutica.

C ha scritto: Buon pomeriggio Paul,

mi sono occupato di validazioni per circa 26 anni, ma ho un paio di domande sulla riqualificazione delle attrezzature e sulla creazione delle politiche per tale procedura.  Attualmente, sto rivedendo le procedure aziendali per la revisione periodica e la riqualificazione. Trovo che ci sia molta documentazione da rivedere in merito alla riqualificazione di unità/aree/camere di conservazione a temperatura controllata, ecc.

Nella mia ex azienda, abbiamo eseguito la mappatura su base annuale, che come sapete, può essere costosa e richiedere molto tempo.  Voglio assolutamente adottare un approccio basato sul rischio per il nostro processo di riqualificazione, ma ho bisogno di una certa chiarezza sulla valutazione del rischio. A prima vista, ogni unità e area a temperatura controllata appaiono critiche e quindi necessitano di riqualificazione annuale.   Tuttavia, in base alla mia ricerca sulle analisi basate sul rischio per la mappatura, pare che le cose non stiano così. 

Abbiamo un sistema di monitoraggio continuo, i cui dispositivi che vengono calibrati ogni anno.  Sto esaminando tutte le validazioni iniziali per verificare che siano stati eseguiti tutti i test correttamante e, intuitivamente, è un buon primo passo. La mia domanda è: quali devono essere i miei prossimi passi nell'adottare un approccio basato sul rischio per la riqualificazione?

In particolare, quali domande dobbiamo porre nelle nostre analisi del rischio? 

Credo che possiamo consultare la storia dei trend, le deviazioni, la frequenza e la durata degli allarmi dal sistema di monitoraggio continuo.  Stavo anche pensando alla revisione della manutenzione preventiva delle unità al fine di verificare l'affidabilità di alcune componenti, come i motori e le guarnizioni delle porte.  Desidero veramente disporre di una valutazione del rischio solida che sia difendibile in fase di audit e durante le ispezioni.

Sei in grado di darmi qualche consiglio? 

Con affetto,
C

Paul ha risposto: Caro C,
 
sono lieto di poterti essere d'aiuto.  Le valutazioni del rischio sono uno strumento fondamentale. Anzi, in alcune circostanze, consentono persino di risparmiare risorse.

Nel caso in cui non l'avessi visto, è disponibile un webinar sull'argomento qui: Valutazione del rischio in ambienti GxP

La regola fondamentale per le valutazioni del rischio è che le regole del punteggio siano trasparenti e chiare.

L'obiettivo di una valutazione del rischio è quello di fornire sufficiente trasparenza in modo da essere sicuri che chi eseguirà la valutazione del rischio successivamente sulla medesima applicazione giungerà alle stesse conclusioni.  Se una prima valutazione del rischio si rivela ponderata,  si farà una buona impressione in presenza di un revisore dei conti o un ispettore, poiché si tratta di informazioni importanti sulle aree controllate.

Un buon punto di partenza è creare le regole di punteggio. Ad esempio, qual è la funzione principale dell'ambiente? Viene utilizzato per conservare prodotti costosi o reagenti di laboratorio sostituibili?  Un altro aspetto da considerare sono le specifiche dell'ambiente. Sussistono specifiche di controllo rigorose (ad es.: camere di stabilità)? Oppure si tratta di un singolo parametro critico (ad es. : congelatori a temperature estremamente basse, fino a -80°C)?

Tre punti focali per il calcolo del rischio: 
• Cosa viene immagazzinato?
• Quali sono le specifiche?
• Qual è la cronologia della mappatura dell'area? 

Per quanto riguarda la cronologia della mappatura, rimanderei alle conoscenze sugli intervalli di calibrazione.  Per esperienza personale, ho potuto constatare una sorprendente mancanza di conoscenza al riguardo nell'industria farmaceutica. Non è necessario calibrare un dispositivo ogni anno soltanto perché il produttore lo consiglia.  Se il dispositivo funziona correttamente ad ogni calibrazione e rientra nelle rispettive specifiche di calibrazione, già ciò può essere un'argomentazione basata sul rischio che consente di prolungare l'intervallo di calibrazione. 

Possiamo applicare la stessa logica alle camere: se la mappatura è corretta e ogni volta offre buoni risultati, probabilmente è possibile estendere l'intervallo di tempo tra una riqualificazione e l'altra.    La nota applicativa: "Calibrazione e regolazione degli strumenti per la misura dell'umidità - Pro e contro dei metodi diversi" cita questo aspetto a pagina 1, terza colonna, secondo paragrafo.

Classificazione delle applicazioni per la valutazione del rischio

  1. Cosa viene immagazzinato nella camera? Ad esempio, si tratta di prodotti costosi o economici? Oppure, il prodotto comporta un rischio elevato per un paziente se alterato o un rischio basso?
  2. Le specifiche sono difficili da raggiungere? Come per una camera di stabilità ± 2°C e ± 2% RH  o un congelatore a temperature estremamente basse a NMT -60°C.
  3. Una deviazione delle condizioni o un guasto dell'attrezzatura sarebbe immediatamente evidente e rilevabile? 
  4. Qual è la storia nota e documentata dell'area o dell'unità, sulla base di studi di mappatura precedenti?


 
Hai citato la storia dei trend dell'unità dai registri del sistema di monitoraggio. La storia dei trend è una fonte di informazione molto preziosa, come si vede da quanto riportato dal cliente.  Tuttavia, ciò può essere paragonato alla mappatura di punto singolo durante l'apertura e l'utilizzo di un'unità...  Per giustificare la mappatura o l'assenza di mappatura è necessario continuare a ripetere questa analisi.  Stabilire delle regole è sicuramente una buona idea.
Fammi sapere se hai altre domande in merito.

Cordiali saluti,
Paul Daniel

C ha scritto: Grazie Paul. Abbiamo un'altra sfida…

Abbiamo elaborato un programma di revisione periodica sulle nostre sale a temperatura controllata, ma ora stiamo cercando di determinare se la riqualificazione della temperatura debba essere eseguita per 24 o 72 ore (gli studi iniziali erano di 72 ore).

Inoltre, dovremmo mappare in condizioni statiche o dinamiche?  Stiamo propendendo verso uno studio statico a camera piena di 24 ore perché abbiamo già uno studio su 72 ore di camera vuota e condizioni statiche/dinamiche caricate.  Ciò di cui abbiamo bisogno è semplicemente la verifica che tutto sia ancora in uno stato qualificato.  Ho cercato ovunque in Internet e si trovano molte informazioni sulla qualifica iniziale (in tutti gli aspetti della qualifica/validazione), ma poco sull'esecuzione della riqualificazione/rivalidazione.  Abbiamo cercato istruzioni dell'OMS, della FDA, dell'UE, ecc., ma non abbiamo trovato molto. Apprezzo il tuo aiuto e non vedo l'ora di avere tue notizie.


Con affetto,
C

Paul ha risposto: Caro C,

la tua ricerca fa eco alla mia.  Tuttavia, una risorsa che posso raccomandare è la Guida alle buone prassi ISPE per la mappatura della camera a temperatura controllata. 

Riassumendo gli aspetti salienti di tale guida, la rimappatura andrebbe eseguita in un intervallo compreso tra 1 e 5 anni. L'intervallo viene stabilito in base alla cronologia e alla criticità dell'applicazione.

Documentiamo i nostri risultati e utilizziamo tali informazioni per creare una valutazione del rischio. La guida raccomanda anche l'approccio proposto e propone la mappatura in camere caricate con sensori posizionati nei medesimi punti. La riqualificazione delle aree caricate può far risparmiare molto tempo e fatica.  Il tuo approccio è da considerarsi valido soprattutto se non si sono verificati malfunzionamenti o riparazioni sull'unità. 

 

Webinar: Mappatura ambientale - Protocolli di mappatura della temperatura

Questo webinar verte sui fondamenti per la creazione o la revisione di protocolli di validazione per studi di mappatura ambientale.  Consente di apprendere quali sono i dati specifici che vengono presi in considerazione in uno studio di mappatura ambientale accurato e pronto per l'audit.

Questo webinar è destinato a coloro che redigono, revisionano e preparano studi di mappatura.

Per informazioni approfondite sullo studio di mappatura, consultare la nostra guida:

"Suggerimenti per l'identificazione e la risoluzione dei problemi e best practice per la validazione e la mappatura"

Consulta la nostra Informativa sulla privacy per maggiori dettagli.
È possibile modificare le impostazioni delle preferenze o annullare l'iscrizione in qualsiasi momento qui

Add new comment