Raggiungere l'efficienza energetica e il benessere dei dipendenti con accurate misurazioni di CO2

Una ventilazione insufficiente fa sì che il biossido di carbonio prodotto dall'uomo si accumuli negli ambienti chiusi, diminuendo il benessere e la produttività dei dipendenti in modo sostanziale. Grazie a una misura accurata della CO 2, è possibile raggiungere al contempo sia l'efficienza energetica che il benessere dei dipendenti.

Le iniziative di bioedilizia, come il LEEDv4 del Green Building Council degli Stati Uniti, il British BREEAM e l'Australian Energy Rating incoraggiano tutti i costruttori commerciali e gli operatori edili a ridurre l'impatto sull'ambiente aumentando l'efficienza energetica. Soprattutto lo standard LEED v4 sottolinea l'importanza del controllo preciso dell'automazione della ventilazione attraverso l'impiego di sensori precisi. Anche l'ASHRAE Green Standard 189.1 (USA) e lo standard europeo EN 13779 consigliano di utilizzare la ventilazione controllata in base al fabbisogno (DCV) principalmente per ridurre il consumo di energia, promuovendo al contempo un'aria sana negli ambienti chiusi.

Ventilazione a controllo ambientale ed efficienza energetica

La ventilazione controllata in base al fabbisogno (DCV) ha dimostrato di avere un enorme impatto sull'efficienza energetica dei sistemi HVAC. Il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti ha condotto una ricerca sul risparmio energetico e l'economia delle strategie di controllo avanzate per i sistemi HVAC nel 2011. La ricerca ha concluso che, rispetto ad altre strategie avanzate di ventilazione automatizzata, la ventilazione controllata in base al fabbisogno contribuisce al più grande risparmio energetico nei sistemi HVAC in piccoli edifici per uffici, centri commerciali, negozi al dettaglio indipendenti e supermercati. I risparmi sui costi medi derivanti dall'utilizzo della ventilazione controllata in base al fabbisogno sono stati calcolati pari al 38% per tutti i tipi di edifici commerciali, un numero molto significativo. L'importo dipende dal clima, ovviamente: la ventilazione controllata in base al fabbisogno è più efficiente nei climi freddi e l'accoppiamento con il controllo dei ventilatori a più velocità porterà maggiori benefici anche nei climi caldi.

Ventilation pipes

 

Ventilazione a controllo ambientale e produttività dei dipendenti

Gli studi indicano che una migliore aria e ventilazione in ambienti chiusi ha anche un impatto positivo sulla produttività dei dipendenti. La Continental Automated Buildings Association (CABA) ha condotto un confronto tra edifici migliori e altre strategie per i dipendenti, come i programmi per la salute sul posto di lavoro e i bonus. Con un meta-studio di 500 studi diversi, hanno scoperto  che gli edifici migliori consentono un aumento della produttività del 2%-10%. La Federation of European Heating, Ventilation and Air Conditioning (REHVA) afferma che la diminuzione della ventilazione riduce la produttività, ad esempio la velocità di digitazione, del 10%. Il Green Building Council statunitense ha condotto un meta-studio nel 2003 e ha concluso che la fornitura di aria fresca e la riduzione dei livelli di inquinanti migliorano la produttività dell'11%. Secondo l'analisi della Carnegie Mellon University, una migliore ventilazione migliora la produttività del 3%-18%. Per riassumere, i guadagni di produttività garantiti da una migliore ventilazione variano tra il 2% e il 18%, secondo molti studi.

Uno studio condotto dal National Institute of Environmental Health Sciences (NIEHS) nel 2015 si è concentrato sugli effetti che la qualità dell'aria in ambienti chiusi ha sulle capacità cognitive dei dipendenti. L'ampio studio ha simulato le condizioni degli uffici e ha confrontato gli uffici convenzionali con quelli del WWF Green e Green+. I punteggi cognitivi nella risposta alle crisi, nell'uso delle informazioni e nella strategia, tra le altre variabili, sono stati valutati sui soggetti del test. I risultati dello studio NIEHS mostrano come le abilità cognitive siano diminuite con l'aumento del biossido di carbonio nell'aria in ambienti chiusi. Questo risultato mostra che le abilità strategiche, per esempio, sono diminuite solo del 20% nell'aria in ambienti chiusi con una concentrazione di CO2 di 1.400 ppm rispetto al normale livello esterno di 400 ppm. Alcune delle abilità più meccaniche, come la ricerca di informazioni e l'orientamento verso un obiettivo, non sono state influenzate molto. Tuttavia, le abilità cognitive che richiedono un'applicazione più avanzata delle informazioni, come la risposta alle crisi, l'uso delle informazioni e la strategia, sono le più colpite. Lo studio mostra chiaramente che la gestione di compiti più avanzati diventa molto più difficile quando i livelli di biossido si carbonio nell'aria in ambienti chiusi aumentano.

Come funziona la ventilazione controllata su richiesta?

Nella DCV l'intensità di ventilazione viene regolata in modo da corrispondere alla reale necessità di risparmio energetico. Presenta chiari vantaggi soprattutto quando le persone presenti cambiano spesso, ad esempio nelle scuole, nei centri congressi e negli auditorium. Il livello di CO2 in un edificio indica la presenza umana e può essere utilizzato per controllare la ventilazione. L'efficienza della DCV può essere ottimizzata solo attraverso un accurato rilevamento del biossido di carbonio.

La tecnologia CARBOCAP® di Vaisala offre un'elevata precisione senza manutenzione e prestazioni che durano nel tempo. I sensori di CO2 possono essere utilizzati in molti tipi di applicazioni, tra cui quelle caratterizzate da livelli di CO2 variabili all'aperto o strutture occupate 24 ore su 24, come ospedali, luoghi di lavoro ed edifici residenziali.

Prodotti correlati alla ventilazione controllata in base al fabbisogno

Storie relative al settore energetico