blog

Domande e risposte video: serie di webinar sul lavaggio della pasta greggia (BSW)

Ottimizzazione del lavaggio della pasta greggia e solidi totali disciolti (TDS)
Kimmo Koivula
Published: Sep 22, 2021
Misurazioni liquidi

In questo video otterrai tutte le risposte alle domande poste durante il nostro webinar dell'8 settembre sull'importanza del lavaggio della pasta greggia e dell'ottimizzazione dei solidi disciolti per l'efficienza delle cartiere; inoltre avrai l'opportunità di porre alcune domande o semplicemente di visualizzare il webinar.  In questo video/blog, Kimmo Koivula e David DiCorpo si concentreranno su domande relative alla misurazione del rifrattometro, alle specifiche del prodotto e all'installazione.  Di seguito sono riportate le risposte, organizzate per argomento.  

Per ulteriori informazioni sul tema del lavaggio della pasta greggia,


Tecnologia di misurazione 
D: La misurazione viene influenzata dalla miscela nel digestore, contenente pasta e solidi in sospensione? 
R: Il rifrattometro non è influenzato dalla miscela di pasta e solidi non sospesi. 

Misurazione 
D: È possibile confermare il carbonio organico totale trovato come solido "disciolto" o solido sospeso?
R: Misuriamo solo la parte disciolta (liquida), cioè ciò che viene realmente lavato via ed è per questo che il rifrattometro è l'ideale per l'analisi delle prestazioni di lavaggio.

D: Tappi possiede documenti che rivelano che la conduttività non è un indicatore affidabile della perdita di soda nella candeggina. Questo fa parte della misurazione dei solidi disciolti totali. Si possiedono dati in grado di dimostrare come il rifrattometro sia superiore alla misura di conducibilità?
R: Esistono diversi documenti che includono un confronto tra conduttività e solidi disciolti totali. Oltre ai documenti di TAPPI, i documenti scritti da Riku Kopra ecc. includono confronti tra conducibilità e solidi disciolti totali e sono reperibili qui. Alcune esperienze dimostrano che i solidi disciolti totali sono un indicatore più conveniente di soda/materiale organico nella candeggina e stiamo lavorando per ottenere un numero maggiore di dati in grado di confrontare la conduttività/i solidi disciolti totali e la risposta nella candeggina.

D: Qual è il numero minimo di punti di misurazione consigliati per ottenere i vantaggi della riduzione del riporto?
R: Anche un singolo rifrattometro può aiutare a controllare il fattore di diluizione; tuttavia, un insieme di misure più completo aiuta a ridurre ulteriormente il riporto e a ottimizzare il fattore di diluizione.

D: Posso utilizzare l'uscita del rifrattometro per regolare automaticamente la quantità di acqua di lavaggio che va alla lavatrice? 
R: Certo, è possibile regolare la quantità di acqua o il fattore di diluizione per una singola fase di lavaggio o per l'intera linea di lavaggio. Poiché la tecnologia del rifrattometro è totalmente digitale, non si avrà alcuna deriva nella calibrazione. Si tratta di una misura affidabile da utilizzare direttamente in un controllo. 

D: In che modo è necessario misurare la pasta in uscita dal filtro a pressione nel punto in cui questa entra nello spappolatore sotto forma di torta? 
R: Il filtro a pressione tende ad essere molto denso in corrispondenza del filtro di uscita, il che significa che contiene poca o nessuna acqua. In questi casi è preferibile installare il rifrattometro a valle dello spappolatore o della diluizione dove viene misurata la parte liquida del liquame di pasta. Un'altra opzione è misurare l'ultimo filtrato in uscita dal filtro a pressione e misurare i solidi disciolti totali nel filtrato, abbastanza vicino alla pasta in uscita dal filtro. Tuttavia, questo dipende dalla configurazione a valle del filtro a pressione e anche dal tipo di diluizione utilizzata. Un rifrattometro misura sempre a partire dalla fase liquida. 

D: Dal punto di vista dell'ottimizzazione esistono differenze rispetto al fatto che la cartiera utilizzi legno duro o legno tenero? 
R: Non vi è differenza in termini di ottimizzazione, misurazione o controllo, ma per quanto riguarda la calibrazione del rifrattometro sussiste una leggera differenza poiché la composizione chimica di queste materie prime è differente. 

D: Come si differenzia la lettura dei solidi disciolti totali per riflettere le variabili (ad es. dopo la fase di delignificazione) dal momento che viene misurato tutto e non solamente un componente della pasta?
R: Misuriamo i solidi disciolti totali e li impieghiamo come variabile. Per differenziare il materiale organico/inorganico avremmo bisogno di utilizzare un altro principio di misurazione come la conduttività.

D: Collegate il rifrattometro direttamente al DCS? 
R: Si tratta del metodo più comune: l'uscita del rifrattometro è collegata al DCS utilizzando 4-20 mA oppure, se si preferisce, è disponibile anche la comunicazione digitale. 

D: Vaisala sviluppa una versione sanitaria del rifrattometro? 
R: Sì, disponiamo di diversi modelli. Per lo spappolamento disponiamo di sensori retrattili, che possono essere rimossi senza dover chiudere le tubazioni del liscivo o aprire le valvole di bypass (come da buona pratica raccomandata dal BLRBAC per la cottura sicura del liscivo nero nelle caldaie a recupero di liscivo nero).  

Prodotto 
D: Qual è il tempo di risposta medio di un rifrattometro?
R: Il rifrattometro effettua una misurazione ogni secondo, quindi il tempo di risposta è immediato.

D: Vi sono massimi di consistenza a cui il rifrattometro è limitato?
R: Il rifrattometro può essere utilizzato da una consistenza medio-bassa fino a ~15%. La pasta ad alta consistenza non ha abbastanza liquido per la misurazione. 

Installazione 
D: Quali sono i problemi di installazione più comuni?
R: Poiché la misurazione non è influenzata dalla velocità del flusso, dalle bolle o dalla turbolenza, l'installazione può essere eseguita in varie posizioni. Possono sorgere problemi se il prisma è coperto, in quanto il processo risulta disturbato, ad esempio. Questo è il motivo per cui si consiglia un eventuale sistema di pulizia del prisma (ugello di lavaggio) per le linee del filtrato.

D: È necessario un sistema di lavaggio per la misurazione dei liquidi disciolti totali della pasta di carta? 
R: Il sistema di lavaggio non è necessario nell'installazione della pasta di carta poiché le fibre della carta manterranno pulito il prisma nella punta del sensore. Per le installazioni nella linea del filtrato, si consiglia di eseguire un lavaggio a vapore a bassa pressione poiché le tubazioni tendono a incrostarsi nel tempo. Il lavaggio può essere impostato su un determinato ciclo per mantenere pulito il prisma. 

D: È importante che il sensore sia installato su una linea orizzontale o verticale? 
R: In generale, non importa se la linea è verticale o orizzontale, purché la tubazione sia piena. È buona norma che il sensore sia inclinato rispetto al flusso in modo che le fibre mantengano pulito il prisma. 

D: Il luogo di installazione per la misurazione dei solidi sarà lo stesso per il digestore discontinuo e continuo? 
R: Sì, le posizioni sono le stesse, così come i flussi di materiale; sostanze chimiche e trucioli di cottura in entrata e flusso di liquami di pasta in uscita. La differenza si ha a livello del digestore continuo, dove l'estrazione del liscivo evapora. I digestori continui hanno linee di circolazione in cui i rifrattometri possono essere utilizzati per monitorare il processo di cottura dei trucioli e la lignina che si dissolve dai trucioli. Se è presente una linea di circolazione sul digestore a lotti, è possibile monitorare l'andamento della cottura. 

D: L'implementazione dei solidi disciolti totali sulle lavatrici esistenti è semplice? Possiamo farlo noi direttamente o è necessaria l'installazione da parte di Vaisala? 
R: L'installazione può essere eseguita direttamente da voi durante un fermo, seguendo attentamente le istruzioni di installazione di Vaisala. Vaisala può anche eseguire l'installazione o consultare la cartiera al fine di consigliare la migliore posizione di installazione, prendendo in considerazione la portata del tubo, la temperatura ambiente e altri requisiti. 

Add new comment